Anche se è una copia, anche se è del 1910, anche una delle statue più belle subisce la deformazione prodotta dal tempo…

Son stato a Firenze qualche giorno fa e, all’ingresso del palazzo comunale, ho visto questo…

David ingrassato

Questo non è un romanzo, non è un libro. E’ solo il breve racconto di una storia di ordinaria burocrazia. Una comune storia di un cittadino alle prese non certo con una guerra dichiarata dalla “cosa pubblica”, son troppo piccolo ed insignificante perché la Pubblica amministrazione possa avercela con me; bensì alle prese con “un errore” della macchina amministrativa. Una contravvenzione regolarmente pagata e una richiesta di pagarla di nuovo. Sarebbe facile dire: “L’ho già pagata!”. Non è così, i meccanismi burocratici sono perversi, la strada è tortuosa, specialmente quando chi fa lo sbaglio è sordo e chi provvede alla riscossione, Equitalia, non ha la facoltà di annullare una richiesta palesemente errata.
In questo breve racconto vi intratterrò sulle peripezie di un cittadino che non vuole darsi per vinto, non vuole darla vinta alla burocrazia, vi darò qualche utile suggerimento su come comportarsi se vi doveste trovare in casi analoghi, vi racconterò che esistono enti di tutela che funzionano e vi racconterò come son riuscito a farmi restituire i soldi indebitamente pagati.
Sperando che la storia sia finita qui.

Il libretto è in vendita su Amazon.it a 0,99 euro a questo indirizzo: http://www.amazon.it/dp/B01AB13WLQ

CopertinaEquitalia3-Rid

Ma signora, “assalire” è una parola un po’ grossa, non crede? Gli uccelli non hanno mica l’abitudine di assalire la gente senza motivo, no?

Uccelli

Uccelli

Gli uccelli non sono aggressivi, signorina. Sono il simbolo della gentilezza

Uccelli

Uccelli

 

Venditore. Lucchetti, lucchetti nuovi; solidi e lucenti. Bisognano, signore, lucchetti?
Passeggere. Lucchetti per l’amore nuovo?
Venditore. Si signore.
Passeggere. Credete che sarà felice quest’amore nuovo?
Venditore. Oh illustrissimo si, certo.
Passeggere. Come quest’amore passato?
Venditore. Più più assai.
Passeggere. Come quello di là?
Venditore. Più più, illustrissimo.

……

Passeggere. Dunque mostratemi il lucchetto più bello che avete.
Venditore. Ecco, illustrissimo. Cotesto vale trenta soldi.
Passeggere. Ecco trenta soldi.
Venditore. Grazie, illustrissimo: a rivederla. Lucchetti, lucchetti nuovi; solidi e lucenti.

venditore di lucchetti

venditore di lucchetti

L’autunno 2015 è appena iniziato e già tendono a svanire le immagini di questa torrida estate piena di profughi che affogano, che camminano che passano fra le barriere di filo spinato lungo kilometri e kilometri di strada per avvicinarsi ad una vita migliore.
Comodamente, davanti alla TV, abbiamo assistito ad un immenso esodo; colonne di migliaia di persone che né il filo spinato, né i manganelli, né la polvere, né la fame son riusciti a fermare. Chi fugge dalla morte e dalla persecuzione non ha paura di qualche manganellata o di qualche centinaio di chilometri a piedi.
E abbiamo assistito anche ad un altro spettacolo, molto pietoso. Gli Stati della Fortezza Europa che non sapevano cosa fare. L’uno scaricava la responsabilità sull’altro. Qui non si passa. Qui si passa, ma non per restare, solo per andare in un altro Stato che vi farà entrare solo per farvi uscire in un altro Stato ancora.
Poveri profughi, ma NIMBY (not in my backyard, non nel mio giardino).
E l’Europa, la creatura di De Gasperi, Spinelli e Adenauer? L’Unione orgogliosa di aver abolito le frontiere e di avere una sola moneta?
L’Europa ha balbettato, confusa. A maggio/giugno non è riuscita ad approvare uno spostamento di 40.000 persone in due anni. A settembre, forse perché la Germania ha dato la sveglia, l’Europa ha approvato un pacchetto di misure annunciato così: “L’Europa mostra la sua solidarietà, in due anni alleggeriamo gli Stati più esposti di 190.000 richiedenti asilo [per la cronaca la sole Italia ne riceve più di 170.000 l’anno] e mandiamo in pensione il Regolamento di Dublino ed il suo principio cardine del “chi ce l’ha [i profughi] se li tiene”.”.
In questo micro libretto, dopo aver raccontato in quello precedente come l’Europa iniziò ad occuparsi di asilo e migrazione, voglio dimostrare che gli obiettivi perseguiti e da raggiungere sono molto, ma molto più leggeri e limitati. Passerò in esame i provvedimenti approvati cercando di vedere oltre la propaganda i limiti e le criticità per gli Stati membri di primo approdo dei migranti.
Tutti i documenti EU sono linkati, in modo da fare di questo micro libretto un ipertesto dove, con un semplice clic, si può andare alla fonte e leggere le disposizioni del documento di cui sto trattando.

L’Ebook è disponibile su Amazon a questo indirizzo: http://www.amazon.it/dp/B016J8JBP6/  al prezzo simbolico di 99 centesimi

Cosa sta facendo ora l'Europa per i migranti

Cosa sta facendo ora l’Europa per i migranti

Era facile. Una goccia d’acqua!

il mondo in una goccia

il mondo in una goccia

Traveholics

Vagabonders' wanderings aka How to get away from it all and get away with it all

KING SPEAK

Thinking aloud

B as Blonde

Fashion enthusiast,Music addicted,tireless Traveler,Arts lover

FarOVale

Hearts on Earth

vernicerossa

Just another WordPress.com site

sergioferraiolo

Uno sguardo sul mondo

photohonua

constantly trying to capture reality

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Occhi da orientale

sono occhi d'ambra lucida tra palpebre di viole, sguardo limpido di aprile come quando esce il sole

Stefy71's Blog

Just another WordPress.com weblog

ARTFreelance

Photo the day

Simona Forte photographer

Edoardo Gobattoni photographer

Photoblog - Masterful photos from international authors.

ALESSANDRA BARSOTTI - PHOTOGRAPHY

L'essentiel est invisible pour les yeux

TIRIORDINO

Uno sguardo sul mondo

WordPress.com News

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 156 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: