Il ministro della #Giustizia #Nordio ha oggi presentato le linee guida del suo Dicastero: separazione delle carriere, forte riduzione delle intercettazioni, abolizione dell’obbligatorietà dell’ azione penale. L’obbligatorietà dell’azione penale è uno dei capisaldi del nostro sistema giudiziario E’ ovvio, come dice Nordio, che se le “pratiche” sono 20 milioni e i magistrati 18.000, molti reati andranno in prescrizione, col pericolo, dice sempre Nordio, che qualche pratica di qualche “amico” venga messa sotto la pila. Basterebbe assumere più magistrati e cancellieri.

Ma Nordio dimentica (?) di dire una cosa molto importante (chissà perché questa gente dice le cose solo a metà). E’ vero che l‘obbligatorietà dell’azione penale , per esempio, in USA non esiste, ma ha un forte contrappeso. Se le confessioni di un criminale “pentito” possono arrecare maggiore giovamento al sistema sociale, il Procuratore può astenersi dall’esercitare l’azione penale. Insomma, un bilanciamento di interessi, che nelle parole di Nordio non si è proprio sentito.

Separazione delle carriere. In buona sostanza chi fa il giudice non potrà mai fare il pubblico ministero. Sembra una riforma neutra. Lo è almeno per i giudici, non altrettanto per i pubblici ministeri (o procuratori). Per questa ultima categoria il vertice non sarà più la legge come sancito dall’articolo 101 della Costituzione, bensì il ministro della Giustizia che forte della citata non obbligatorietà dell’azione penale, potrà indirizzare politicamente l’azione della magistratura.

Intercettazioni. Sono sempre state uno strumento dibattuto per la loro certa pervasività nella vita privata anche di soggetti innocenti e non indagati, ma ad ascoltare i magistrati, sono uno strumento insostituibile, sono come una rete in cui si impigliano i criminali. Significa rinunciare ad un efficace mezzo di contrasto alla malavita, specialmente unito alla non obbligatorietà dell’azione penale che toglie di mezzo le “inchieste scomode”.

Ma non è solo questo. Per ogni mezzo di indagine c’è il modus in rebus, ossia non esiste solo il bianco o il nero; è possibile trovare una giusta contemperazione di interessi, Solo che è difficile e, soprattutto, non adatta al sentore politico di questo governo.

E’ quindi molto più facile trovare una piccola magagna nel sistema attuale e, con la scusa di renderlo migliore, stravolgerlo adattandolo al mutato scenario politico che ha già prodotto mostri come il Decreto legge cd. Antirave (dove il rave non è nominato e le pene sono estremamente alte), l’innalzamento dell’uso del contante a beneficio dei riciclatori e operatori al nero, la possibilità di evitare il POS per transazioni superiori a 60 auro (l’80% delle transazioni in negozio), incidenti diplomatici con la Francia per 234 migranti a fronte delle decine di migliaia che sbarcano indisturbati in Italia.

Non mi illudevo su questo Governo, ma non pensavo che fosse di così basso livello