Archivi per il mese di: agosto, 2018

Tappa lunga quella fra Santoña e Guemes. Lunga per me vecchietto, quasi 64 anni di vita per nulla sportiva. Sulla guida son 24km. Bisogna partir presto.

Ma la lunghezza della tappa è una variabile. Mi convinco sempre più che il Cammino sia solito congiungere due tappe non con una linea che si avvicini ad una retta, bensì con un arabesco.
Nel b&b di Santoña avevo provato con Google map a sbirciare il percorso suggerito fino a Guemes. Beh, non ci crederete, per Google, se voglio andare da Santoña a Guemes, prendo una certa carretera (strada) e con 15/17km me la cavo.
Ovviamente scelgo di seguire le frecce gialle.
Alle 7 precise (è ancora buio) esco dal b&b con in corpo solo un caffè della macchinetta e due biscotti. Le luci cittadine rischiarano il cammino. Passo davanti al carcere, passo dietro la spiaggia vista piena di sole e di (pochi) bagnanti il giorno prima e arrivo alla base del monte (no, monte è troppo, chiamiamolo colle) Brusco. Qui frecce gialle a destra, verso la spiaggia, frecce gialle a sinistra verso la carretera. Quale via scegliere? Vedo davanti a me pellegrini che si consultano e vanno verso la carrettera. Che volete, io sono una pecora nera, non seguo il gregge. Avevo letto di una biforcazione per le biciclette (i bicigrini) in quel punto e, senza esitare, nella luce incerta dell’alba, prendo a destra verso la spiaggia.
Il sentiero scende in spiaggia, poi fa una strana conversione a U (con tanto di frecce gialle) e comincia a salire sul colle Brusco.
Non faccio in tempo a maledire la soffice sabbia che copre il sentiero che questo bruscamente (di nome e di fatto) prende a salire vertiginosamente…..stupore… ho sbagliato strada? Sollevo lo sguardo e vedo sulla parete rocciosa ben sopra di me una freccia gialla che tende al cielo.
Un po’ rincuorato ma anche un po’ spaventato dall’erta, mi spingo su. Il sentiero è quasi verticale. Appesantito dallo zaino mi devo aiutare con le mani.
Il sentiero sale, sale, sale e si stringe fra due pareti di piante, spesso rovi, che ti fanno passare a stento.
Salgo. Salgo. Ad un certo punto, la magia.
Arrivo su un punto esposto, stranamente senza vegetazione e…. voi umani non avete mai visto le cose… a destra il sole che sorge sulla spiaggia di Santoña, a sinistra la spiaggia di Noja che riceve i primi raggi di sole…
Immagini stupende. Fotografo a ripetizione. Ma la fotografia non rende la magia di quei posti a quell’ora con quel tempo.
Estasiato comincio la discesa anche essa molto ripida, spesso mi devo sedere e cercare appigli. Passato il punto più brutto, vedo un ciclista con la sua bici in spalla che inizia l’avventura in senso inverso. Lo sconsiglio caldamente. Tanto l’alba magica è passata. Noja è a due passi.
Degno di nota è l’incontro sul Cammino di due pellegrini spagnoli, padre e figlio, il padre, della mia età, era al suo ennesimo Cammino e procedeva di gran carriera.
Il figlio (30 anni?) arrancava .
Si fermano per mangiare. Io proseguo, voglio arrivare presto perché un tarlo mi rode nel cervello.
Incontro un pellegrino toscano. Iniziamo a chiacchierare. È al suo secondo cammino. Due anni fa era sul percorso francese e mi conferma quanto altri pellegrini hanno raccontato.
Secondo lui (e gli altri pellegrin
i) sul Cammino francese non c’è la corsa del leone e della gazzella per cui ogni mattina, prima che sorga il sole, il pellegrino deve alzarsi dal dormitorio dell’albergue per peregrinos e correre se vuol arrivare al successivo albergue per peregrinos prima degli altri pellegrini se vuol trovare un letto nel dormitorio comune.
Secondo lui (e gli altri) sul Cammino francese c’è più disponibilità di posti/letto e più distribuiti lungo il percorso. In più, mi dice, quasi ogni casa offre un posto letto, oltre al banchetto dove puoi acquistare “generi di conforto”.
Mentre parliamo, il tarlo si fa più forte e chiaro. Riprendo la guida e vedo che ho commesso un errore.

Mi ero ripromesso di non far più la corsa del leone e della gazzella e anche per lo arrivo a Guemes ho prenotato un b&b. Ma era mia intenzione far visita anche alla comunità lì creata da padre Ernesto Burstio che gestisce l’albergue per i pellegrini.
Ecco l’errore: la comunità non è a Guemes paese, ma sul colle vicino a quasi due chilometri di distanza.
Mah, arrivo presto al mio b&b, il tempo è buono, fin troppo caldo e la curiosità è tanta.
Doccia e, sotto il sole caliente, riparto e arrivo alla “Cabaña de l’abuelo Peuto” (la capanna di nonno Peuto). È un coloratissimo villaggio, interamente gestito da volontari, creato da padre Ernesto partendo dalla primitiva costruzione edificata da suo nonno (detto Peuto). Accoglie non solo i pellegrini del Cammino, ma chiunque voglia sostare.
Ci sono intere casette con letti a castello, spazi comuni, lavanderia, biblioteca, refettorio grande per la cena comune della sera. La ricettività supera i cento posti.
Non si paga. Chi vuole lascia quanto può.
Veramente un bel posto, pieno di ragazzi da ogni nazione. Allegro, pieno di vita.
Peccato, mi perderò il momento più coinvolgente, la cena comune, ma la stanchezza comincia a farsi sentire e tornare di notte mi fa un po’ paura.
Non si sa mai nella vita. Si può sempre tornare; come quest’anno che tornerò, dopo trentadue anni a Santillana del mar, il borgo medioevale vicino alle grotte di Altamira.

Spiaggia di Santoña all’alba

Spiaggia di Noja all’alba

Arrivo per caso a Santoña. Decido di fermarmi due notti, son stanco e vecchietto. Prenoto un b&b su Booking.com, alla cieca. Tanto sarà piccolissimo, mi dico.
Scopro una realtà strana, molto piacevole.
Santoña è un borgo peschereccio, fonda la sua economia sulla pesca delle alici e del tonno e della loro conservazione. In questo mi ricorda molto Cetara, vicinissimo a Salerno, da dove provengo.
Lì come qui, o qui come lì, l’odore delle alici e della loro salatura è immanente, fa parte del luogo.
E i “santoñesi” non sono per nulla presuntuosi, anzi. Sulla meravigliosa baia “piccola” c’è il Paseo dedicato ai “salatori italiani” . Nei primi anni del secolo scorso vennero qui molti siciliani e campani e misero su aziende conserviere insegnando ai santoñesi l’arte della conservazione delle alici, del tonno e della carne.
Molto pragmatici, i santoñesi poco hanno conservato del dimenticabile borgo antico. Oggi Santoña è un paese moderno che inizia a fare affari con il turismo. Non ci sono grandi alberghi come nella vicina Laredo (che sembra Rimini), bensì solo piccole strutture, locande e b&b.
La piazza Sant’Antonio, rettangolare, è il centro del paese. Il 90% dei negozi che si affaccia sulla piazze è costituito da bar/ristoranti e la sera è tutto un vociare allegro di gente che si concede il rito dello aperitivo. Aperitivo ricco, quasi cena, con tanti pintxos.
Peccato che il pesce serio (spigole, grigliata,etc) venga servito in poche strutture (due, monumentali, moderne e brutte sul porto) e….dopo le 21.30, troppo tardi per un pellegrino.
Due bellissime spiagge, una sulla laguna, una, dal lato opposto, larghissima e stupenda, poco affollate, libere, ma con parecchie docce messe dal comune. Spiagge dorate, pochissimo affollate, vista la recentissima propensione al turismo del paese.
Prezzi abbastanza bassi. Un posto per una tranquilla vacanza di mare.

 

Gentilezza.
In Spagna sono più avanti, quasi mi vergogno a dirlo, più civili.
Piccole cose, ma importanti. Se vedono che sei in procinto di attraversare, le auto si fermano, se vedono che stai puntando la fotocamera verso un monumento, si fermano finché non hai finito. Nei bar ti ringraziano sempre anche se hai preso solo un caffè e lo hai pagato con una banconota da 50 euro.
Sarà solo questa zona della Spagna? Non so, ma identica gentilezza e civiltà l’ho rinvenuta sia nei Paesi Baschi, sia in Cantabria.
I bambini, come tutti i bambini giocano a palla o a rincorrersi; quello che manca sono le urla delle mamme.
A proposito delle urla, una situazione che mi ha stupito parecchio. A Bilbao era Settimana Grande: per una intera settimana, la città si trasforma in un enorme ristorante all’aperto e, soprattutto, in una immensa birreria. I negozi, quelli non in ferie, aprono solo la mattina, tutta la popolazione (350mila abitanti) più le decine e decine di migliaia di turisti e abitanti della regione già dal primo pomeriggio si riversano in strada a passeggiare, chiacchierare e, soprattutto, a bere. Passano da un tendone ad un altro, ascoltando musica e canti, ballando e bevendo. Tutti con il proprio grande bicchiere di plastica legato al collo con una cordicella. Solo birra alla spina, quindi niente tappeto di vetro rotti. Nessun urlo, nessuno schiamazzo; certo non si sta in religioso silenzio, ma solo vociare e risate. La musica non è assordante, i gestori dei bar e ristoranti non urlano all’altoparlante per invitare i clienti magnificando l’attrazione proposta. E dire che, già dalle sette di sera, il tasso alcolico in vena è già parecchio alto.
Pulizia. Tutto è generalmente molto pulito. Sistema di raccolta della spazzatura in cassonetti, simili ai nostri. Mai visto sacchetti o residui alla base dei contenitori. La mattina presto, accanto ai runner, gli addetti alla nettezza urbana spazzano e innaffiano le strade ed i marciapiedi.
Prezzi. Generalmente un 10% più bassi che in Italia (e sono località turistiche). Al ristorante non ti rapinano. Il menù del día (fra i 12 e i 16 euro) è più che buono e sufficiente.
C’è tanta cura dei disabili. I paesi e le città non hanno praticamente barriere architettoniche. Mai visto un’auto parcheggiata sulle strisce (grandi parcheggi sotterranei), marciapiedi larghi e da dove si va dappertutto. Il risultato è che i disabili o le persone con ridotta mobilità come gli anziani scorrazzano sulle carrozzelle godendosi l’ estate come i normodotati. Non solo: in diversi paesi ho visto tante persone in carrozzella accudite e assistite da, non so esattamente, chiamiamoli così “servizi sociali”.
I marciapiedi e i luoghi di passeggiate, accanto a parchi attrezzati per bimbi, offrono gli attrezzi meccanici per il fitness. Mi sono avvicinato a guardarli. Dalla targhetta risultano messi lì da diversi anni: non uno rotto o vandalizzato.
Niente che, a prima vista, non va? Sì, i writers imbrattatori esistono anche qui, ma è una delle poche similitudini con l’ex Belpaese.

Mi domando solo una cosa. Certo, la mia analisi è condotta con metodi “spannometrici”, non posso assicurare che sia sempre tutto e come l’ho descitto, ma…..PERCHÉ ANCHE IN ITALIA NON È COSÌ?

Pioggia
24 agosto, pioggia.
Beh, ieri bel soggiorno in un lussuoso albergo palacio di Portugalete. Oggi piove e piove di brutto. A stento un caffè alle 7.30 nello albergo e si parte. Niente sentieri, una insulsa interpoderale con due alte ali di vegetazione ai lati che impedisce di vedere alcunché. Sempre sopra l’asfalto, sempre sotto la pioggia.
Stop ad Onton, 7 km dopo Pobena, ,16 km in tutto.
Ma ottima scelta l’albergo del pellegrino, “il tu Camino”, ottima per la figura del gestore, Giuseppe, vercellese trapiantato in questo primo lembo della Cantabria e da sua moglie. Gentilissimi. Accolgono con vero affetto i pellegrini bagnati che arrivano e li accompagnano uno per uno nella grande camerata con letti a castello. Per quelli che superano il numero dei letti, ci sono materassi per terra e addirittura escon fuori un paio di canadesi: “non si possono mandar via pellegrini con questo tempo” dice. Non lo fa certo per arricchirsi: 6 euro per dormire, 2 euro per la prima colazione. Pranzo e cena a donativo. Però i pellegrini apparecchiano e lavano i piatti.
Tutti ragazzi max 25/30 anni: tanti spagnoli, austriaci, tedeschi, australiani. Solo 2 italiani. Si intrecciano discorsi in varie lingue. Forse è anche questo il Cammino, il riposo in compagnia di persone che non hai mai visto, che non vedrai mai più, ma per una sera son quasi la tua famiglia.

Negli anni ’90 gli albanesi venivano da noi con i barconi.

Oggi mandiamo in Albania i profughi che arrivano qui…..

Bilbao è alla estremità di un fiordo.
Il Cammino di Santiago quasi la salta, passa subito sulla costa sinistra del fiordo, verso Barakaldo, Portugalete per dirigersi decisamente verso la costa cantabrica.
Ma ci hanno detto che la costa a sinistra del fiordo, verso Getxo è molto interessante e patrimonio dello UNESCO.
Quindi, dopo un altro giorno di riposo a Bilbao, con visita al Museo delle belle arti (peccato le mostre stabili siano chiuse per restauro locali), giro ancora intorno al Guggenheim e visita al nuovo Azkuna Zentroa di Philip Stark e nuovo assaggio serotino di fiesta con pintxos e birra, c’è una idea alternativa.
Metropolitana (stazione a fianco lo albergo) con la linea 1 fin quasi al capolinea a Larrabastera e poi a piedi per 13 km lungo la costa est del fiordo fino a Portugalete dove un albergo attenderà il pellegrino. Il giorno dopo ci si ricongiungerà al Cammino.
Niente male la metropolitana di Bilbao. 3 linee che in un tempo massimo di mezza ora congiungono il vertice inferiore del fiordo alle località sull’oceano aperto. Moderna, pulita, veloce, efficiente, esattamente come quella di Roma..
Da Laparestella, 4 chilometri ci dividono dal mare che non si lascerà più.
Dapprima un sentiero dal mare ci porta a mezza costa e un magnifico panorama ci accoglie.
Dopo tanti giorni in montagna con abeti, mucche paciose e pecore, ecco sua maestà l’oceano.
Dal sentiero ammiriamo le larghissime spiagge dove gruppi di surfisti aspettano l’onda giusta ma, almeno a quest’ora (sono le 9.30), non penso arriverà. Cielo e oceano sono entrambi bigi uniformi; le nuvole e le onde si muovono in parallelo senza alcuna fretta. Fa caldo, ma la assenza di sole rende piacevole il cammino. Ad in certo punto la pioggia sta per arrivare, ma basta la scaramanzia di applicare il coprizaino impermeabile per allontanare la minaccia.
Dalla larga spiaggia la costa si alza improvvisa e quasi verticale con falesie anche esse bige. Grandi cartelli spiegano qualcosa in basco. Dalle figure riesco a capire che spiegano la origine delle falesie e la loro “data di nascita” nelle varie ere geologiche, ma non di più.
Sono, al solito, più interessato all’antropizzazione del territorio che al territorio stesso.
L’impressione è quella di un luogo di vacanza. Dapprima, vicino al faro, in pieno oceano, i parcheggi son tutti occupati dai camper dei surfisti.
Poi, girato l’angolo ed entrato nel fiordo di Bilbao, diversi villaggi con tipiche seconde case, restaurate con molto uso della pietra grezza, ma con i contorni delle porte e delle finestre segnati a colori vivaci.
C’è anche un campo di golf
Lungo la costa un mulino a vento come quello delle favole. Non ho visto don Chisciotte.
Scendo al livello del mare.
Particolare il villaggio di Portovecchio, vero posto per turismo non povero con villette con architettura ricercata. Tutte restaurate, tutte con una insegna dipinta con un nome (della villetta? Della famiglia?) e una data: 1768. (Fondazione?).
Dopo Portovecchio, senza soluzione di continuità, la cista del fiordo gira e il “paseo de las grandes villas” (pare facile lo spagnolo) mostra al viandante ville opulente e super restaurate. Davanti alle più importanti un cartello sul lungofiordo ne racconta la storia.
Ormai Portugalete è dalla altra parte del fiordo che si attraversa con il ponte di Bitzkaia, un ponte in ferro davvero strano costruito nel 1893, alto 63 metri e lungo 160.
Come ogni ponte deve contemperare gli opposti interessi delle navi che vogliono la altezza necessaria per passarci sotto e dei veicoli che tale altezza non vogliono per passarci sopra.
La soluzione è particolare.

Il ponte è formato di due torri di acciaio di oltre 60 metri poste sulle due rive e di una unica campata orizzontale appoggiata sulla loro estremità superiore.
Ovviamente nessun veicolo o pedone potrà salire in verticale (anche se ho visto un ascensore) e poi farsi 160 metri su una passerella e poi riscendere per un’altra colonna di ferro.
Hanno escogitato un sistema particolare: alla campata orizzontale hanno attaccato con funi una navetta che sta a livello strada; la navetta si riempie di persone, biciclette e auto e un sistema di carrucole la trasporta dall’altra parte.
Resta da vedere che tipo di navetta esisteva quando fu costruito il ponte.

strange behaviors

Cool doings from the natural and human worlds

Traveholics

Vagabonder's wanderings

KING SPEAK

Thinking aloud

B as Blonde

Fashion enthusiast,Music addicted,tireless Traveler,Arts lover

Steve McCurry's Blog

Steve's body of work spans conflicts, vanishing cultures, ancient traditions and contemporary culture alike - yet always retains the human element. www.stevemccurry.com

FarOVale

Hearts on Earth

vernicerossa

Just another WordPress.com site

photohonua

constantly trying to capture reality

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Occhi da orientale

sono occhi d'ambra lucida tra palpebre di viole, sguardo limpido di aprile come quando esce il sole

ARTFreelance

Photo the day

simonaforte.wordpress.com/

Simona Forte photographer

Edoardo Gobattoni photographer

artistic photography

ALESSANDRA BARSOTTI - FOTOGRAFIE

L'essentiel est invisible pour les yeux

TIRIORDINO

Uno sguardo sul mondo

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: