È vero, spesso i parlamentari sono costretti a votare come vogliono i segretari dei due/tre partiti al Governo.
Poche voci si levano in dissenso facendo capire che i parlamentari hanno anche un cervello oltre che il dito per premere il pulsante di voto.
Se oggi, con 630 deputati e 315 senatori queste voci sono poche, domani, con 400 deputati e 200 senatori le voci in #dissenso dalla #casta dei partiti saranno ancora di meno. Tre segretari di partito controlleranno l’Italia.
Al referendum IO VOTO NO.