Archivio degli articoli con tag: razzismo

Spenti i clamori della vittoria italiana agli europei di calcio con le inevitabili code polemiche per la sfilata degli azzurri per le vie di Roma con tanto di assembramenti, voluta ed ottenuta da Bonucci e Chiellini contro il parere delle Forze dell’Ordine (resa dello Stato), mi piace ricordare un articolo del New York Times dell’11 luglio a firma di Jason Horowitz.

Il giornalista, partendo proprio dalla vittoria ai campionati europei, sostiene che il calcio è stata proprio la ciliegina sulla torta della rinascita italiana dopo il Covid.

Nella stessa domenica, Matteo Berrettini è stato il primo italiano a conquistare la finale del torneo di tennis di Wimbledon e, contro Jokovic, non ci ha fatto una brutta figura; le atlete e gli atleti italiani under 23 hanno brillato ai campionati di atletica di Tallin; Papa Francesco, all’Angelus dalla finestra del Gemelli ha magnificato il sistema sanitario italiano. A questi eventi dell’ultima domenica, Horowitz aggiunge la vittoria dei Maneskin alla competizione canora europea ed il fenomeno di Khaby Lame che raggiunto una notorietà planetaria.

Tutto ciò in una cornice di rilancio economico (le previsioni di crescita sono le più alte dell’Eurozona) e di simpatia de partner europei e delle istituzioni comunitarie che, tutti – compresi gli scozzesi e i gallesi – hanno tifato Italia alla finale di Wembley.

Siamo, insomma, circondati da una vasta atmosfera di viva simpatia e curiosità (gli articoli che parlano dell’Italia sulla stampa estera sono aumentati di molto e, nella maggior parte sono positivi) dovuti – forse – al cambio di passo che ha segnato la fine della lunga agonia del Governo Conte II e l’inizio sprint dell’attuale Governo guidato Mario Draghi, la figura italiana più apprezzata nei palazzi europei e mondiali che contano. Pochi si aspettavano gli ultimi dati positivi dell’economia e l’ottimo andamento della campagna vaccinale, a dispetto della continua carenza di dosi di vaccino e i salti acrobatici della comunicazione sul vaccino di Astra Zeneca.

Non sempre i giornalisti sono così teneri con una Nazione. Per esempio, Barney Ronay, sull’inglese Guardian stigmatizza la pessima reazione inglese alla sconfitta. «L’Inghilterra come nazione, non come squadra, deve guardarsi dentro». Perché, scrive Ronay, è successo di nuovo: «I cancelli di Wembley sono stati sfondati, gli inni fischiati, gli steward spintonati, i murales sfigurati (quello di Manchester dedicato a Marcus Rashford, uno dei tre ad aver sbagliato il rigore, ndr), il razzismo messo in mostra sui social media». Più un vario contorno di vandalismi e violenza contro chi o cosa sapeva d’Italia.

Non sarà stata una bella scena nemmeno quella dei calciatori inglesi che si sfilavano la medaglia dal collo come se scottasse più della sconfitta, ma una parte dei loro tifosi ha fatto decisamente di peggio. «C’è un’ovvia conclusione da trarre — scrive Ronay — dai meschini insulti verso i giocatori inglesi di colore. Chiaramente c’è un gruppo di persone, in questo paese, che deve essere identificato, censurato e costretto, a meno di qualche illuminazione divina, a tacere». Ronay è convinto che i signori delle piattaforme social potrebbero farlo senza troppa fatica, se soltanto volessero. Ma questo è soltanto un lato del problema. L’altro è la necessità di «fare un inventario onesto e completo di un Paese in cui il razzismo e il teppismo sono ormai normalizzati per tanta gente».

Certo, Ronay ammette che «è sempre stata un’idea sbagliata che la giovane e bella squadra di Southgate potesse in qualche modo “unire” una nazione che ha profonde divisioni strutturali e sociali. Il calcio è soltanto calcio. Vincere delle partite non è una scorciatoia per l’educazione, la decenza e una leadership adeguata altrove». Ma il mondo del calcio, a suo avviso, sta facendo troppo poco e la politica sa facendo troppo, ma in male. È quasi impossibile trovare un giornalista del Guardian che non detesti Boris Johnson e Ronay non fa eccezione: «Un primo ministro che ha fatto più di ogni altra persona in Gran Bretagna per generare divisione e stupidità, ha spedito un messaggio per condannare la divisione e la stupidità. Una ministra dell’Interno (Priti Patel, ndr) che usa una retorica cinica e divisiva si dice “disgustata” che qualcuno l’abbia presa sul serio».

Insomma, come Italia, stiamo vivendo un periodo “up”, vediamo di non sprecarlo. Siamo attesi a sfide molto difficili: la spendita dei soldi del Recovery Fund, la lotta alla Pandemia del Coronavirus, la ripresa dell’economia e quella dei licenziamenti via Email.

Invece la politica si dilunga in sterili polemiche sull’agonia di una partito che, pure, fu maggioritario nel 2018 oppure su argomenti-bandiera, di elevatissimo valore ideale, ma di scarso appeal sulla gran parte della popolazione.

E’ di oggi l’ultima polemica sul Green Pass dopo la presa di posizione del Presidente francese Macron. Sinistra e Forza Italia si dicono favorevoli a limitare l’accesso ai servizi (treni, ristoranti, cinema) ai soli titolari di un documento che attesti la loro vaccinazione o, comunque, la loro negatività al virus. La destra sovranista e novax, ovviamente è contraria: per loro deve essere tutto aperto e non si può andare contro gli interessi degli esercenti e ristoratori; non si rendono conto che – passata la sbornia della riapertura – prevarrà, nei clienti, la paura di trovarsi accanto un positivo asintomatico con conseguente calo delle presenza e degli incassi.

Abbiamo già passato, esattamente un anno fa questo periodo; potevamo farne tesoro, invece l’abbiamo sprecato al grido di “NON CE N’E’ COVIDDI!!” e ci siamo ritrovati tutti più chiusi e più poveri.

Speriamo di non dover ripetere, ancora una volta, “Quem Iuppiter vult perdere dementat prius!

La morte di George Floyd ad opera di un poliziotto di Minneapolis ha scatenato, oltre ad incidenti e saccheggi, una specie di rimozione di simboli che richiamano personaggi o avvenimenti o espressioni che possano in qualche modo richiamare il concetto di razzismo.

Gli esempi sono molti: la piattaforma di video in streaming HBO Max ha rimosso temporaneamente Via col vento per i suoi contenuti razzisti. BBC, per motivi simili, ha tolto dalla sua piattaforma di streaming la serie tv comica Little Britain; a Richmond, in Virginia, è stata abbattuto un monumento dedicato a Cristoforo Colombo, abbattute anche statue di eroi sudisti della guerra di secessione americana. Finanche la statua di Winston Churchill, come altre di persone giudicate coinvolte nello schiavismo, non è uscita indenne da questa ondata di follia della rimozione della memoria, di fantasmi da cancellare.

Comprendo che la folla, quando è infuriata, è capace di tutto, ma queste manifestazioni mi sembrano connotate da una vena follia.

Parliamo di schiavismo: dalle origini della nostra civiltà, dall’aulica Ellade, alla splendida Roma dei Cesari, al Medio Evo, alla secessione americana, fino a Lincoln è sempre esistito, specialmente nei confronti di altri da noi, di appartenenti – si diceva una volta – ad una razza diversa. Schiavismo e razzismo sono intimamente connessi. Da sempre, il vincitore sottomette il vinto lo tiene come schiavo.

Ricordiamoci che il tentativo di Abramo Lincoln di abolire la schiavitù fu fortemente osteggiato e solo nel 1862 una legge sancì tale abolizione. Abolizione dello schiavismo, ma non delle differenze fra bianchi e neri. Lo stesso Lincoln, nel 1858 ebbe a dichiarare: «Non sono, e non sono mai stato, favorevole a una qualsiasi realizzazione della parità sociale e politica tra la razza bianca e quella nera; esiste una differenza fisica tra le due che credo che ciò impedirà per sempre una convivenza in termini di parità. E poiché esse non possono convivere in questa maniera, finché rimangono assieme ci dovrà essere la posizione superiore e inferiore e io, al pari di chiunque altro, sono favorevole a che la posizione superiore venga assegnata alla razza bianca» [cit. Wikipedia]. Nessuno è indenne dallo spirito del tempo, per cui non si possono impiegare acquisizioni culturali recenti per giudicare uomini dell’Ottocento.

Dovremmo esser felici, oggi, di aver acquisito quella cultura sui rapporti fra umani che mancava dall’antichità fino a meno di 200 anni fa e dovremmo evitare di giudicare con la nostra cultura persone del passato che trovavano razzismo e schiavismo come concetti perfettamente naturali e connessi al modo di vivere del loro tempo.

Ma non è finita. Chi ha i capelli bianchi come me ricorda perfettamente che il concetto di politically correct è stato ignorato fino a poco tempo fa ed espressioni che oggi riteniamo “razziste” erano perfettamente lecite. Leggevo tranquillamente fumetti americani di Disney in cui Paperino apostrofava il suo carceriere con espressioni di “sporco negro” o tentava, per dileggio di strappare i velo ad una musulmana, o zio Paperone definiva pulciosi gli indiani d’America. Oltre al link precedente, questa pagina di Facebook ne raccoglie altre.

D’altronde anche la nostra cultura è impregnata di concetti che, a guardar bene, possono ben essere definiti razzisti. Quante mamme cantano, ancor oggi, ai loro bimbi la famosa ninna nanna “Questo bimbo a chi lo dò. Lo darò all’uomo nero che lo tenga un anno intero.”

Non si può giudicare il passato con gli occhi di oggi e le azioni di altri dall’alto delle raggiunte conquiste sociali odierne.

Ripeto, dobbiamo essere orgogliosi di avere – oggi – una concezione dei diritti umani radicalmente diversa da quella di appena poche decine di anni fa, di aver compreso che la differenza di colore della pelle non fa differenza di razza, che un uomo ha diritti inviolabili che nessun uomo o istituzione statuale può alienargli. Giustamente, oggi, condanniamo, contestiamo e biasimiamo chi oggi discrimina in base al colore della pelle o chi ritiene un uomo, solo perché nato con certe caratteristiche, possa essere ritenuto inferiore a chi è nato con caratteristiche diverse. Questo è lo spirito del nostro tempo. Questo è lo spirito che noi, oggi, riteniamo giusto e che riteniamo debba essere universalmente posto alla base dei rapporti interpersonali.

Abbattere le statue di eroi di altri tempi, come Winston Churchill o stigmatizzare frasi di Abramo Lincoln e bollarli come “razzisti” significa dimenticare in che epoca vivevano e rinnegare i loro indubbi meriti per i quali sono ricordati. Non penso che esista una statua che sia stata eretta per meriti “razzisti” o “schiavistici”.

Oltretutto – così facendo – si compie quell’opera di modifica della storia così ben descritta da George Orwell in 1984. La Storia è una sola, non può essere modificata e manipolata per adattarla al pensiero corrente, abbattendo simulacri di persone che vanno giudicate contestualizzandole nel tempo in cui vivevano.

Se posso concludere con un esempio, posso citare la storia dell’omosessualità nell’antica Roma. Con gli occhi di oggi posso tranquillamente affermare [ovviamente senza alcun giudizio di valore] sia che gli antichi romani erano tutti omosessuali, sia che gli antichi romani erano tutti estremamente virili. Sembrano due affermazioni antitetiche, ma solo perché espresse secondo lo spirito di questo tempo, senza contestualizzare i costumi di allora e senza conoscere che, ai nostri antenati, era peraltro completamente sconosciuta anche la dicotomia del concetto moderno tra un’esclusiva omosessualità e un’altrettanta esclusiva eterosessualità.

Per scoprire il mistero soccorre il solito collegamento con Wikipedia.

Non giudichiamo ieri con gli occhi di oggi.

https://www.instagram.com/p/B6BFsOFI8cI/?igshid=ryoehzwgkcmg

Risponde Staino:

 

Nella campagna elettorale appena trascorsa il razzismo ha fatto ampie apparizioni come il sovranismo; “Italia prima”, sul modello sciagurato di “America first” ripreso da Trump.

 

Esempi ne abbiamo a iosa: il raid di Taini a Macerata, l’omicidio del senegalese a Firenze, la “gaffe” di Fontana, ora governatore della Lombardia, sulla razza bianca, etc.

 

Non so se la gente pensa veramente quello che dice ed è convinta di quello che fa perché “lo sente” o perché è indotta a pensarlo dai media che amplificano la voce di chi alla pancia della gente strizza l’occhio.

 

Quello che certo è che spesso, dalle stesse persone, dagli stessi politici, il razzismo esce ad intermittenza, secondo le convenienze.

 

È stupefacente il caso della Lega. Quando Enrico Letta, nel 2013 nominò Cécile Kyenge , (medico, laureata alla Cattolica di Roma e specializzata in oculistica) ministro per l’integrazione, gli insulti razzisti da parte di esponenti della Lega si sprecarono: la invitarono a mangiare banane e, addirittura, il senatore Calderoli la definì un orango.

 

Oggi, invece, Toni Iwobi, nigeriano è stato eletto senatore nelle file della Lega e definito da Salvini un perfetto esempio di integrazione.

 

Ora, a parte, le differenze di partito, fra la Kienge ed Iwobi non esistono differenze quanto ad integrazione. Perché la Lega insulta l’una ed esalta l’altro?

 

Questo è l’episodio più clamoroso, ma di razzismo secondo chi capita ne abbiamo visti tanti. Uno per tutti: i siriani che arrivano in massa sono poveri richiedenti asilo che scappano dalla guerra e sono tutte brave persone, ingegneri medici, professori…. Invece i maliani che arrivano sui barconi perché in patria le loro case sono state distrutte dall’ISIS, sono dei neri ignoranti che sfruttano la nostra accoglienza.

 

Certo che è strano questo razzismo verso qualcuno sì e verso qualcun altro no.

 

In verità siamo noi a farlo uscire quando qualcuno “altro da noi” ci fa paura. È la paura o, peggio, il calcolo che ci fa esprimere il razzismo che è in noi.

 

Questo mi fa ricordare un aneddoto raccontato dal grande regista Fritz Lang: “Il 30 Marzo 1933, il ministro della Propaganda in Germania, Joseph Goebbels, mi convocò nel suo ufficio […] e mi propose di diventare una sorta di “Fuhrer” del cinema tedesco. Io allora gli dissi: «Signor Goebbels, forse lei non ne è a conoscenza, ma debbo confessarle che io sono di origini ebraiche» e lui: «Non faccia l’ingenuo signor Lang, siamo noi a decidere chi è ebreo e chi no!»”.

 

Fritz Lang fuggì da Berlino quella notte stessa.

Auguri, Madiba! CI hai dato tanto. Spero che il mondo si ricordi di te.

Immagine

sergioferraiolo

Uno sguardo sul mondo

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

Around with Julie

Explore Italy with an Art Historian

Nomfup

Only connect

strange behaviors

Cool doings from the natural and human worlds

Traveholics

Vagabonder's Wanderings

KING SPEAK

Thinking aloud

B as Blonde

Fashion enthusiast,Music addicted,tireless Traveler,Arts lover

Steve McCurry Curated

Steve's body of work spans conflicts, vanishing cultures, ancient traditions and contemporary culture alike - yet always retains the human element.

vernicerossa

Just another WordPress.com site

photohonua

constantly trying to capture reality

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Occhi da orientale

sono occhi d'ambra lucida tra palpebre di viole, sguardo limpido di aprile come quando esce il sole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: