Archivio degli articoli con tag: cinesi

Quarto giorno dell’anno. Il programma è molto interessante. La mattina visita al centro monastico Thaddama Zawtikryone Shwe Kyin di Thanlyn fuori Yangon, creato per aiutare gli orfani del tifone che nel 2008 devastò il Myanmar. Ospita quasi 500 bambini, ormai non più solo orfani del tifone, ma allargato ad altre esperienze caritatevoli. Sì pranzerà con i piccoli ospiti.
E poi visita a Chauktutgy, con la statua del Buddha sdraiato lunga 70 metri.
Nel pomeriggio/sera visita alla immensa pagoda
Shwedagon vero gioiello.
Con tutte queste promesse sarebbe stato davvero un gran finale col botto.
Il botto c’è stato, ma in un altro senso.
Che volete, io sono aperto a nuove conoscenze e, appunto, la sera prima della giornata campale faccio un fortuito incontro. Ho sempre avuto al stanza singola, proprio per evenienze come questa. Ci siamo piaciuti a prima vista. Ragazzi, che notte! Eravamo praticamente uno dentro l’altro. Ore e ore a girarsi e rigirarsi nel letto. La testa mi scoppiava, ma non riuscivamo a dividerci. La mattina dopo ero completamente spossato, non avevo chiuso occhio, non ce l’ho fatta ad andare con il gruppo e, almeno per un’altra mezza giornata, siamo rimasti l’uno dentro l’altro. Poi come tutte le cose molto intense scemano velocemente e ci siamo staccati. Accidenti, ora che ci penso non ho neppure chiesto il suo nome. Chissà, “influenza”?, “faringite”?, “Bronchite”? O, forse, pomposamente, malattia aspecifica da raffreddamento? Ma è stata gentilissima, mi ha lasciato in dono Tachipirina e antibiotico che ancora oggi prendo religiosamente in suo ricordo.
Una notte da solo mi ha rimesso in sesto per affrontare la ultima mezza giornata. Inconcludente. Visita ad un sudicio mercato di utensili e vestiti, roba made in China per i locali.
Una inconcludente passeggiata fra certo le non migliori vie di Yangon, la cui unica attrattiva se così si può chiamare era il groviglio “indian style” di fili elettrici attorno ai pali della luce.
E poi, poi il ritorno. Tre ore e mezzo da Yangon per Hong Kong aumentando il fuso orario. Di una ora e mezzo, due ore e mezzo di sosta e poi l’infinito: quattordici ore di volo notturno fino a Milano. Sull’aereo freddo boia. I rumori più frequenti che si sentivano provenire dai 300 e passa passeggeri stipati nella carlinga erano accessi di tosse catarroso, segno inequivocabile che non avevo avuto l’esclusiva del mio compagno misterioso di due notti addietro, ma io non sono geloso.
Continua…..

Il terzo giorno del 2020 inizia proprio bene, con una visita con ampie caratteristiche di novità rispetto ai giorni precedenti: visitiamo la pagoda Mahamuni!

La sua caratteristica è quella di avere, nella stanza centrale, una grande statua di un Buddha seduto. Di qui non ci sarebbe nulla di nuovo, anzi, alla prima occhiata, ci si chiede il perché della visita, considerando anche che la grande statua è avvolta da impalcature sulle quali si affaccendano diversi uomini. A rispettosa distanza i soliti fedeli che pregano. Ma non è una statua di Buddha in restauro, come si potrebbe pensare. Le persone sull’impalcatura (solo uomini; alle donne è vietato lo ingresso) non hanno in mano cazzuola, pennello o altri attrezzi, bensì una sottilissima foglia d’oro che, con il gesto di privarsene per abbandonare le cose terrene, appiccicano sul Buddha. Le foglie d’oro saranno spesse un decimo di millimetro e larghe non più di un paio di centimetri, ma questa storia va avanti da anni e ormai la statua, osservata dai fedeli solo con TV a circuito chiuso, comincia a perdere la nitidezza dei lineamenti sotto il carico del metallo prezioso. Provo a salire la scala che porta alla camera più interna e all’ impalcatura, ma l’assenza nelle mie mani dell’obolo d’oro mi fa ricacciare indietro.

Dopo la Pagoda è la volta del monastero Mahakandayo. Un monastero con 1.600 monaci che occupa l’area di un piccolo paese. L’occasione è la quotidiana processione di tutti i monaci che vanno a ricevere, nella propria ciotola, il pugno di riso, il biscotto o la minestra che costituisce il pasto del giorno.
Ho appena citato la ciotola che è una delle poche cose che un monaco buddista può possedere.
Le altre sono i due pezzi della tonaca, la cintura, il rasoio, un ago (il monaco veste di roba usata, serve per ricucirla), una coperta. Stop.
Ma lo spettacolo è allucinante: i poveri monaci sfilano fra migliaia di turisti (al 99% cinesi) che, nonostante il divieto, urlano, spingono, si accalcano per fotografare la processione. Non generalizzo, ma la massa di maleducati cinesi è veramente respingente. Almeno questi neo ricchi asiatici hanno tolto a noi italiani il poco invidiabile primato del turista caciarone, maleducato e urlante. Ce ne andiamo quasi subito, amareggiati e sconfortati per l’umiliazione a cui sono sottoposti i monaci in uno dei momenti più solenni della giornata, il pasto composto dalle offerte dei donatori. Sfilare fra due ali di folla che cerca di cacciarti l’obiettivo della fotocamera nell’occhio per avere un ricordo “tipico” non è piacevole.

I cinesi non ci abbandonano anche nella visita successiva. Evidentemente i giri dei tour operatori sono sempre gli stessi. Il piccolo pullman ci ci dice sulla sponda piatta e fangosa dell’Irrawady, in un luogo estremamente sporco e pieno di baracche bar/ristorante. Qual è l’attrazione? Pagoda? Monastero? No. Stavolta è un lunghissimo ponte, l’U Bein bridge, che congiunge , con una lunghezza di quasi un kilometro e mezzo le due sponde dell’Irrawwady anche al massimo della sua portata durante la stagione delle piogge. Ora il fiume è basso, poco profondo, lasciando ai lati larghe rive fangose. Il ponte si regge su due file parallele di grossi tronchi di legno di teak depredati dal palazzo reale dopo la deposizione dell’ultimo re. Sono centinaia di tronchi, il che fa dubitare di quello che mi avevano detto sulla distruzione con incendio del palazzo reale.
Tutti i cinesi del pasto dei monaci ora sono qui. Sono tanti, troppi. Deve essere l’ultima infornata dei nuovi ricchi. Urlano, berciano, sputano, sgomitano.
Non ne avevo mai visti tanti. Sarà forse perché si sentono in diritto di stare qui? Una targa sul ponte, scritta in cinese e inglese e non con i tondi caratteri birmani, ricorda che la Cina ha donato tutti i lampioni a energia solare della zona.

Della ennesima manifattura seta e cotone e dell’ennesimo monastero, questa volta femminile, non è il caso di dar conto tranne per citare il vero culto che la popolazione ha per Aung San Suu Kyi: la sua immagine è onnipresente in fotografie incorniciate, in manifesti, in calendari, più e più volte nello stesso locale. Il problema, mi hanno confessato, è legato ad una possibile sua successione. La Lady ha oggi 73 anni e, nel panorama politico birmano, non esiste alcuna persona che abbia almeno un briciolo del suo carisma e dell’autentico amore della popolazione.

Ma dobbiamo correre all’aeroporto: Yangon ci aspetta di nuovo.

Continua…..

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

Around with Julie

Explore Italy with an Art Historian

Nomfup

Only connect

strange behaviors

Cool doings from the natural and human worlds

Traveholics

Vagabonder's wanderings

KING SPEAK

Thinking aloud

B as Blonde

Fashion enthusiast,Music addicted,tireless Traveler,Arts lover

Steve McCurry Curated

Steve's body of work spans conflicts, vanishing cultures, ancient traditions and contemporary culture alike - yet always retains the human element.

vernicerossa

Just another WordPress.com site

photohonua

constantly trying to capture reality

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Occhi da orientale

sono occhi d'ambra lucida tra palpebre di viole, sguardo limpido di aprile come quando esce il sole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: