Archivio degli articoli con tag: cerveza

Pare di no, è una deformazione di un nome pregresso. Wikipedia dice:”Santander fu fondata dai Romani come Portus Victoriae. Successivamente cambiò nome in Portus Emeterii, cambiamento legato ad una leggenda secondo la quale a Santander giunse una barca che portava le teste di due legionari romani, Emeterio e Celedonio, decapitati a causa della loro fede cristiana, le loro reliquie sono state trovate nel secolo scorso nel sottosuolo della cripta della chiesa di San Martin. I due martiri, fatti santi, divennero i patroni della città e dal nome Portus Emeterii si passò a Sant’Emeterio, poi a Sant’Emeter, Santemeter e, infine, all’attuale toponimo Santander.”
Le altre notizie sulla città cliccando qui
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Santander
insomma oggi giornata di riposo.
Vi ho detto della albergatrice un po’ pazzarella.
La mia camera, la stessa dello scorso anno, completamente ridipinta con il bow window sul mercato, ha un lavandino e la doccia. I gabinetti sono in comune.
La mattina, come ogni pergrino (o, ormai, ex peregrino) che si rispetti mi alzo presto e mi tuffo nella doccia in camera. Acqua fredda, aspetto, acqua fredda, aspetto ancora, acqua fredda. Prendo lo asciugamano e vado nei bagni comuni. Acqua calda. All’uscita incontro la albergatrice. Piuttosto offeso (pago i 70 euro/giorno anche per la acqua calda) le faccio notare la mancanza. Lei per tutta risposta, garrula e felice, ridendo mi dice “non ti preoccupare, se l’acqua calda non arriva nella tua doccia, puoi tranquillamente andare nei bagni comuni!, Non c’è alcun problema”. E se ne va, lasciandomi basito.
Oltre la colazione, nel bar a fianco, la prima cosa che un peregrino deve fare quando arriva in un paese non piccolo è la sosta alla lavanderia a gettoni. Fra limpiadora e secadora,in 40 minuti il mucchio di vestiti umidi e puzzolenti si trasforma in profumato bucato.
E poi in giro per Santanter.
C’è l’hodavani alla finestra e voglio visitare il mercato de la ESPERANZA. Grosso fabbricato a due piani. Sotto il pesce, sopra la carne. Soprattutto per il pesce ogni ben di Dio. Dai mariscos, vongole, ostriche, molluschi vari a tonni interi, spigole, ombrine, scorfani. Avrei comprato tutto. Una giovane e carina banchisa, moto spagnola: occhi e capelli nerissimi, sguardo fiero, si accorge del mio entusiasmo e mi chiede se voglio e che voglio comprare. Con rammarico le dico che sono in albergo e che non posso cucinare. Comprende e mi regala due ostriche da mangiare lì sul posto, bagnate di limone.
Giro un po’ il centro commerciale, compro il giubbino rosso che avevo visto all’andata e con il sole pieno vado ai giardini di fronte al mare. Vedo che stanno preparando l’allesty della “festa del mare”che inizia stasera: due velieri sono attraccati, uno è la riproduzione di uno di quei galeoni spagnoli che tanto oro portarono dalle Americhe.
Ancora qualche foto all’opera in bronzo di José Cobo che riproduce quattro “raqueros” , sorta di scugnizzi napoletani.
A pranzo non possono mancare i soliti pinxos, stavolta con maiale, una buona insalata mista e…la gagna di cerveza. Un buon locale “la cathedra” in calle del medio.
E, stasera, ultima sera a Santander, via a tutta Fiesta del mare. Divertiamoci ché domani ci attendono nove ore di bus per Barcellona!

Il mio balconcino bow window con vista sul mercato
Mercato
Molluschi al mercato
Galeone spagnolo

Los raqueros

Bilbao
Non mi andava di fare oltre 15 km per scalare un monte e camminare poi nella grande periferia di Bilbao. Allora un bus da Larrabetzu in mezz’ora ha coperto la distanza con la città. Bilbao alle 8 dorme ancora. Nei bar i reduci della nottata brava (a Bilbao è settimana grande, una settimana di fiesta continua) a prender caffè, nelle strade gli addetti alla nettezza urbana a pulire e lavare strade e marciapiedi e addetti ai giardini ad innaffiare e potare aiuole. Mi domando da quando non vediamo tutto questo fervore di pulizia nelle nostre città.
Due giorni senza Cammino. Riposo e turismo. Albergo nella città vecchia, il Casco Viejio, il nucleo originario di Bilbao con le sette calli (kalea) storiche, vicino alla Cattedrale del ‘300, bella e imponente. Però lo ingresso in chiesa è a pagamento, 5 euro. Ma per i peregrinos è gratuito ed ho un altro timbro (sello) sulla credenziale de pellegrino.
Bilbao, con i suoi viali larghi, i palazzi storici incute rispetto. Segni di uno splendido, orgoglioso passato. Poi la decadenza. La città non riusciva ad espandersi, stretta fra le pareti del “fiordo” in cui è costruita e la cintura industriale ormai quasi tutta dismessa.
Certo un buon punto per la rinascita fu, nel 1997, l’inaugurazione dell’allora avveniristico museo Guggenheim, sorto al posto di un morente insediamento industriale. Una costruzione tutta curve ricoperta di lastre di titanio che riflettono ogni raggio di luce ricevuta. Solo curve senza una forma definita, quasi l’immagine simbolo di creature marine che piroettano sott’acqua.
Il museo, il botxo (=buco, come lo chiamano qui) cominciò ad attrarre turisti da tutto il mondo aiutando la rinascita di Bilbao.
Però, come tutte le grandi opere architettoniche moderne, forse il contenitore sovrasta e comprime il contenuto. La costruzione è bellissima, con le sue curve che eliminano qualsiasi forma predefinita, ma dentro non c’era moltissimo a parte una temporanea di Chagall (bella e accurata) e una mostra sull’arte cinese dopo il 1989.
Per tutta la settimana è fiesta grande. Gruppi di cittadini girano col fazzoletto blu al collo, simbolo di appartenenza alla città che si prepara per la sera. Enormi ristoranti all’aperto con banconi pieni di pintxos e barili di birra, posti lungo il fiume, si preparano a placare la fame e la sete dei festaioli.
Ma, nel frattempo, sono andato a mangiare al mercato coperto. Mi dicono sia una caratteristica spagnola. Il grande mercato coperto, dove le massaie si riforniscono di verdure, pesce, carne, etc, ha un’area dove questi prodotti vengono cucinati e venduti. Tripudio di pintxos, boccadillos, cerveza, paella e via dicendo. Ognuno prende un piatto, sceglie quello che vuole, paga, si cerca un tavolo e mangia.
E che la fiesta sia.
Il sole non è ancora calato che le strade sono gremite, i locali affollati, gli artisti di strada, e sono tanti, iniziano i loro spettacoli: chi suona strumenti strani, chi balla, chi canta languide canzoni. Intorno la folla sciama allegra, tutti con il fazzoletto blu al collo. Dal collo, legato con una cordicella, pende un capiente bicchiere di plastica: così è più facile farsi versare la birra ed il recipiente è sempre pronto. Solo birra alla spina. Quindi niente bottiglie o bicchieri per terra.
Il passaggio dei piccoli bobcat della nettezza urbana è continuo. La folla si sposta allegra per farli passare.
Band improvvisate, ma brave, fanno rullare i tamburi e si confondono con i pifferi degli anziani dello “orgoglio basco”.
Nei grandi tendoni, oltre la birra, corrono e ballano persone di ogni età.
Ogni via è adornata di luminarie. Alle 22.30 quasi mezz’ora di fuochi artificiali.
Non si sentono urla, ma solo vociare e risate.
E si andrà avanti così, ogni sera, fino a domenica prossima.
Bella gente i baschi. Tanto di cappello, anzi, di basco.

Around with Julie

Explore Italy with an Art Historian

Nomfup

Only connect

strange behaviors

Cool doings from the natural and human worlds

Traveholics

Vagabonder's wanderings

KING SPEAK

Thinking aloud

B as Blonde

Fashion enthusiast,Music addicted,tireless Traveler,Arts lover

Steve McCurry's Blog

Steve's body of work spans conflicts, vanishing cultures, ancient traditions and contemporary culture alike - yet always retains the human element.

vernicerossa

Just another WordPress.com site

photohonua

constantly trying to capture reality

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Occhi da orientale

sono occhi d'ambra lucida tra palpebre di viole, sguardo limpido di aprile come quando esce il sole

ARTFreelance

Photo the day

simonaforte.wordpress.com/

Simona Forte photographer

Edoardo Gobattoni photographer

artistic photography

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: